venerdì 11 gennaio 2019

Recensione: Ogni stella lo stesso desiderio di Laura Bonalumi

Buongiorno lettori! Come procede la vostra settimana? La mia direi che nonostante sia stata priva di problematiche è stata lunga e sono felice di essere giunta al venerdì. Questo weekend ho in programma di passare del tempo con le friends Jem e Sily e godermi un po' di chiacchiericco. Per il resto dovrei terminare un romanzo e proseguire con lo "studio" del metodo Bullet Journal! Ma passiamo ora alla recensione di questo romanzo per ragazzi scritto dalla talentuosa Laura Bonalumi che ho avuto il piacere di conoscere di persona. Oltre ad essere una persona veramente dolce ho scoperto che le sue storie sono capaci di riportarmi alla memoria ricordi sopiti e farmeli rivivere lasciandomi sempre una sensazione di calore. Ora vi lascio alla mia recensione di Ogni stella lo stesso desiderio ringraziando nuovamente Laura per queste storie ricche di significato. 

Ogni stella lo stesso desiderio
Laura Bonalumi
Piemme
6,99
13,00
4 settembre 2018

#incipit#

Per Amelia le ore scorrono tutte uguali, addormentate come le foglie che osserva cadere dalla finestra della terza B. Finché un giorno di fine ottobre arriva Guido e gli equilibri si rompono, i banchi si spostano e i pensieri di Amelia volano sempre più sul nuovo, misterioso compagno. Il suo strano silenzio, il distacco da tutti e le continue inspiegate assenze le accendono un interesse mai provato prima. Nasce così un'amicizia speciale, fatta di email, poesie rubate e confidenze a cuore aperto. Ma Guido custodisce un segreto che si allunga come un'ombra su un amore appena sbocciato e già minacciato dallo scorrere del tempo. O forse reso ancora più prezioso dal suo essere così diverso.

Ogni stella lo stesso desiderio
Voce di lupo
Fragile
Gli occhi del mondo

La storia, come si legge dalla trama, si articola attorno a due ragazzi sedicenni Amelia e Guido. Lui è affetto da fibrosi cistica che per chi come me non lo sapesse è una malattia genetica che porta a un deficit respiratorio molto grave. Il giovane Guido quindi è costretto a lunghi periodi in ospedale a barcamenarsi tra ossigeno, respiratori e visite. In questo contesto si viene a creare il rapporto tra i due compagni di scuola, che scrivendosi email e raccontandosi le loro giornate creano a poco a poco il loro rapporto di amicizia. La loro storia inizia a prendere una piega romantica quando Guido racconta ad Amelia la sua passione per la poesia e inizia farla partecipe delle sue creazioni. Per buona parte del romanzo leggiamo le loro conversazioni, viviamo i momenti di emozione che solo le parole scritte possono dare, viviamo come entrambi si accorgano di provare qualcosa di più che semplice amicizia. Un amore che nasce attraverso una conoscenza fatta di emozioni trasmesse da ciò che si riesce a scrivere liberamente senza l'imbarazzo del faccia a faccia. Penso sia abbastanza comune la timidezza adolescenziale ma anche tra gli adulti e l'opportunità di parlare attraverso un'email abbatte tutte le barriere e fa si che entrambi si confidino i loro sentimenti. Questo dolce rapporto culmina con la decisione di Guido di incontrare Amelia in ospedale. La crescita del loro rapporto è il filone principale di questo romanzo e mi ha riportato alla mente un sacco di episodi alcuni imbarazzanti! della mia personale storia d'amore. Io e mio marito infatti ci siamo conosciuti a sedici anni e ci siamo innamorati tra i banchi di scuola. E' stato come ripercorrere il crescendo di emozioni vissute alcuni anni fa. Infine voglio menzionare la tematica della malattia che viene descritta in queste pagine in modo semplice e completo. Trovo giusto avvicinare i giovani lettori alla comprensione di tematiche difficili quali la malattia o la morte come nel caso del precedente romanzo dell'autrice Voce di Lupo. Quindi non mi resta che consigliarvi questa storia d'amore e sacrificio, per ritrovare la vostra parte adolescente o se siete adolescenti per cercare di dare qualche risposta alle mille domande che affollano la mente.

Buona lettura!

5 commenti :

  1. Piaciuto parecchio meno del precedente, ma comunque delicatissimo. Brava Laura!

    RispondiElimina
  2. Mi ispira, grazie per la recensione, non ne avevo mai proprio sentito parlare.

    RispondiElimina
  3. Mik concordo anche io ho preferito Voce di Lupo ma comunque trovo la sua scrittura molto incisiva!

    Buona lettura grazie a te!:*

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    non conoscevo questo libro. Dell'autrice avevo letto anni fa "La Bambina dai Capelli di Luce e Vento", che mi era piaciuto molto, ma non mi ero mai informata sugli altri titoli. Questo volume mi ispira un sacco, grazie per avermelo fatto scoprire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Martha per essere passata a leggermi! oggi esce anche un altro romanzo dell'autrice!

      Elimina