giovedì 5 luglio 2012

Protagonista: Massimo Jr D'Auria


Buon giorno a tutti! Nuova intervista per questa rubrica che dedica i post alle scrittrici e agli scrittori che mi hanno entusiasmato e che hanno accettato di rispondere a qualche domanda per la nostra curiosità di lettori, sempre alla ricerca di spunti e informazioni!

L'intervista di oggi vede protagonista Massimo Jr D'Auria scrittore della raccolta di racconti "Nero n.9" che io ho letto e recensito QUI.



Benvenuto Massimo a Vivere in un Libro! Cominciamo subito, magari presentandoti ai lettori..
Mi chiamo Massimo Junior D’Auria, sono nato il 6/11/1989 a Napoli e sono uno studente di “Lettere Moderne” alla Federico II. Ho partecipato a diverse antologie (ad alcune delle quali con uno pseudonimo). Ho pubblicato due raccolte di racconti: La vita degli altri (2009, Arduino Sacco Editore) e Nero n.9 (2010, Sogno edizioni). A settembre 2012 dovrebbe uscirne un’altra. Sono stato inoltre curatore della selezione editoriale Nerinchiostro, la prima antologia targata Sogno edizioni e sono anche curatore della collana “Orbite Nere” per conto della Sogno edizioni.
Wow quante cose a soli 23 anni!!^__^

Come mai hai iniziato a scrivere?
Non saprei dirlo, semplicemente, quando ero piccolo, dopo una puntata vista alla tv di un particolare telefilm ho deciso di mettere su carta ciò che avevo appena visto. Man mano con il passare degli anni ho provato più volte (ricordo con chiarezza una volta ad 11 anni) a scrivere un romanzo originale da zero, senza riuscirci. Nel frattempo alternavo momenti in cui volevo scrivere a momenti (anche parecchio lunghi) in cui non ci pensavo minimamente. Solo una volta finito il liceo ho ripreso a scrivere seriamente e poco dopo ho pubblicato la mia prima raccolta.

Qual'è il tuo libro preferito? 
Non ho solo un libro preferito, ce n’è più di uno e sono tutti di autori diversi. Si tratta di: “L’ombra dello scorpione” di Stephen King, “1984” di George Orwell e “Il Processo” di Franz Kafka. Anche se devo dire anche che ho una vera e propria adorazione per tutti i racconti e i romanzi scritta da A.C. Doyle che hanno come protagonista Sherlock Holmes.
Non ho letto quello di King e ammetto di non aver, ancora, esplorato il mondo di Doyle! Recupererò! 

Innanzi tutto da cosa hai preso spunto per scrivere questa raccolta?
Da ciò che mi sta intorno, anche dalla cronaca nera che rivesta un ruolo molto importante nella nostra società. Tranne alcune discese nel fantastico, nei miei racconti non c’è nulla che non si senta ogni giorno o quasi alla tv o che non si legga sui giornali. Purtroppo sfruttando un leit-motiv abusato ma vero “La realtà a volte è peggio della fantasia”.Sono anche appassionato di testi su crimini e delitti (di ogni tipo dall’omicidio seriale ai gangster del proibizionismo) sicuramente anche questi mi hanno aiutato nell’ispirazione.Infine sicuramente le letture di narrativa simile alla mia mi sono state utili.

Hai un autore o autrice di riferimento a cui ti ispiri?
Dipende da ciò che scrivo. Nella mia prima raccolta che potrebbe essere definita intimista ho sentito molto l’influenza di F. Kafka (spero che il buon Franz non si rivolti nella tomba), questo perché prima di scrivere la raccolta venivo dalla lettura di tutti i suoi racconti e dalla lettura de “Il Processo”. Per “Nero n.9” e il libro di prossima uscita penso che l’ispirazione e l’influenza venga da Stephen King ed anche Poe (anche se in misura minore).
Ti dirò che un pò di Kafka in certi racconti si sentiva! E penso che sarebbe onorato dell'influenza suscitata in uno scrittore emergente!

I nove racconti sono di vario genere, dal classico assassino a un mini racconto, ma hanno tutti il finale a sorpresa. E’ stata una cosa voluta o è fluita mentre componevi la raccolta?
Non saprei darti una risposta, penso che la risposta sia nel mezzo. Da una parte volevo che potessero avere un finale spiazzante (anche se non sempre è stato così), dall’altra spesso erano le stesse storia a portarmi alla conclusione, quasi che fossero i personaggi a decidere e non io.

Qual è, tra i nove, il tuo racconto preferito?
Non ne ho uno preferito, anzi nel corso del tempo ho più volte cambiato idea su quale mi piacesse di più.
A me è piaciuto molto quello dello scrittore, ma l'avevo già nominato nella mia recensione!^__^

Ce n’è qualcuno che invece non ti piace particolarmente?
Forse, “L’indegno” è quello che mi convince di meno.

C’è qualcosa che cambieresti?
Forse sì, a rileggerlo adesso gli darei un’ulteriore limatura, perché nel frattempo credo (spero) di essere migliorato nella scrittura. Magari calibrerei meglio anche qualche finale. Ma d’altronde credo che a distanza di tempo nessuno possa mai essere soddisfatto completamente di ciò che ha scritto. Nero n.9 è stato pubblicato oltre due anni fa, quindi è passato un po’ di tempo.

E’ stato difficile scrivere il racconto con protagonista una donna rispetto agli altri con protagonisti maschili?
Sicuramente non è stato facile, ma in realtà non lo è stato per nessuno dei personaggi della storia, perché per fortuna non ho vissuto situazioni del genere, quindi ho dovuto faticare per immedesimarmi in ognuno di loro. Spero che il risultato sia stato accettabile, ma questo ovviamente me lo deve dire il lettore.
Per me è stato sorprendente!!! ^___^

Stai già scrivendo una nuova raccolta? Ci dai qualche anticipazione?
Ho già scritto una nuova raccolta in realtà e la pubblicazione dovrebbe avvenire nel mese di settembre di quest’anno sempre per i tipi della Sogno Edizioni. Si tratta sempre di una raccolta di racconti di genere noir/horror, credo sia superiore qualitativamente a “Nero n.9” o almeno così spero. Il titolo sarà quasi sicuramente “Dissonanze”.
Bellissimo titolo, misterioso!Ne aspetterò impaziente l'uscita!

Un ultima domanda, cosa consiglieresti a chi vuole iniziare a scrivere? 
Leggere, leggere, leggere e ancora una volta leggere. Conosco gente che vorrebbe scrivere un romanzo o un racconto senza aver mai letto con continuità, dubito che il risultato possa essere accettabile. Ovviamente bisogna leggere ed esercitarsi nella scrittura per affinare il proprio stile e per avere maggiore consapevolezza del mezzo. Poi ovviamente, anche se è un consiglio utile solo per chi ha terminato la propria opera, mai pubblicare a pagamento!

Grazie mille Massimo per il tuo tempo e i tuoi preziosi consigli! Aspetto trepidante la tua nuova raccolta!! Un abbraccio e Buona Fortuna per un tuo possibile romanzo! ^__^

Spero vi sia piaciuta! Vi consiglio di leggere questo raccolta di romanzi noir/thriller perchè è davvero scorrevole e ti tiene incollata alle pagine fino alla fine di ogni storia! Se era così due anni fa come sarà la nuova raccolta che uscirà? *in trepidante attesa balletta sul posto* ^______^

Buona lettura!

1 commento :

  1. Bella intervista!!!e devo dire che il romanzo mi intriga!

    RispondiElimina